TIM: variazione contrattuali per utenti con sim ricaricabili

A partire dal 28 Aprile 2019, TIM modificherà le proprie condizioni contrattuali in caso l’utente non effettui una ricarica in tempo utile.

Alcuni clienti hanno già ricevuto un sms informativo.

Sul sito MondoMobileWeb è stato pubblicato un articolo molto interessante che spiega nel dettaglio cosa cambierà dopo tale data per i clienti TIM in possesso di Sim ricaricabili.

Abbiamo così pensato di riproporvelo:

 

Tim avvisa i suoi clienti del nuovo eventuale costo per chi ricarica in ritardo

Tim continua ad avvisare i suoi clienti privati ricaricabile sulla nuova modifica condizioni contrattuali in partenza dal 28 Aprile 2019. In queste ultime ore alcuni clienti Tim hanno ricevuto un sms informativo, come era già successo alcune settimane ad altri clienti, dove viene spiegata la nuova modifica in caso di esaurimento del credito residuo.

Il messaggio viene inviato soprattutto ad alcuni clienti TIM ricaricabili che effettuano la ricarica da qualsiasi canale di vendita.

Ecco l’SMS inviato con mittente TIM: “Ricarica effettuata. Il tuo nuovo credito è XX,XX euro. Per verificare i movimenti sulla tua linea, come credito telefonico, consumi e dettagli del traffico, vai sull’app MyTIM Mobile o chiama gratuitamente il 40916. Modifica contrattuale: per consentirti l’utilizzo dei servizi TIM anche quando esaurisci il credito, dal 28/4 puoi chiamare, navigare e inviare SMS senza limiti a 0,90 euro/giorno, solo se effettui traffico, fino ad un massimo di 2 giorni. Se invece hai o attivi Tim Ricarica Automatica, non resti mai senza credito. Entro il 27/4 puoi recedere dal contratto o cambiare operatore, senza penali nè costi di disattivazione, e mantenere attiva l’eventuale rateizzazione del prodotto, compilando i moduli “cessazione linea” e “diritto di recesso” su tim.it o inviandoli via PEC a disattivo andando nei Negozi TIM. Info su tim.it/info o chiamando il 409168

Se il cliente TIM non possiede credito residuo positivo, dal 28 Aprile 2019 avrà la possibilità di chiamare tutti i numeri nazionali, inviare sms verso tutti i numeri nazionali e navigare senza limiti, nel rispetto delle condizioni di uso corretto e lecito, fino a un massimo di 2 giorni consecutivi, al costo di 90 centesimi di euro al giorno solo in caso di utilizzo (prima chiamata del giorno o primo sms del giorno o primo collegamento del giorno).

Il cliente TIM potrà pagare 0,90 euro (utilizzo per 1 giorno) o 1,80 euro (utilizzo per 2 giorni) alla prima ricarica utile effettuata. Se non effettua alcun evento di traffico, il cliente non pagherà niente in più.

Questo nuovo servizio si chiamerà “Sempre Connesso” è sarà valido in Italia e in Roaming nei Paesi dell’Unione Europea nel rispetto del regolamento “Roaming Like at Home“.

Questa nuova condizione contrattuale dei servizi per i clienti privati ricaricabili in partenza dal 28 Aprile 2019 comporta comunque una modifica contrattuale, quindi, come prevede la normativa, tutti i clienti Tim interessati potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza costi aggiuntivi fino al giorno prima della variazione contrattuale, specificando come causale di recesso “Modifica delle Condizioni Contrattuali“. Per ulteriori informazioni è possibile leggere l’articolo dedicato.

Questa nuova modifica delle condizioni contrattuali dei servizi riguarderà esclusivamente i clienti Tim che hanno attivo l’addebito dell’offerta tariffaria su credito residuo. In caso di utilizzo del servizio Tim Ricarica Automatica, invece, non è previsto alcun costo perchè il cliente non esaurisce il credito. Al termine dei 2 giorni, in caso di mancata ricarica, la sim rimarrà attiva solo per ricevere chiamate o SMS e per effettuare chiamate di emergenza.

 

Se riceverete (o avete già ricevuto) anche voi il messaggio di avviso, ora siete più informati su cosa cambierà.

Trovate l’articolo originale a questo link.