Tethering: cos’è e come configurarlo con iPhone, Android e Windows

Fonte: http://taglialabolletta.it/tethering-iphone-android-windows/

Vuoi condividere la connessione internet mobile del tuo smartphone con altri cellulari o device in genere (tablet, notebook, ..)?
Con il Tethering puoi trasformare il tuo cellulare in un router wi-fi, potendo così condividere l’accesso alla rete internet con un altro dispositivo, cellulare o tablet, che abbia il modulo wireless, o attraverso la connessione USB e il Bluetooth, per i PC.
Nell’articolo vedremo cos’è il tethering, i vantaggi e gli svantaggi, quando gli operatori lo consentono ed eventuali costi, e come configurarlo con i sistemi operativi più diffusi.
Cos’è il tethering?
Il tethering è una funzionalità offerta dalla quasi totalità di smartphone e tablet, che consente di trasformare gli stessi in modem o addirittura access point per più dispositivi. Il dispositivo “ospite” può usufruire della connessione del dispositivo che offre l’accesso in maniera rapida e gratuitamente. L’accesso può essere limitato da una password, mentre non c’è limite di tempo per la condivisione: i due smartphone possono rimanere collegati tra loro illimitatamente.
Quali i vantaggi del tethering?
I vantaggi del tethering sono molti: è sufficiente essere in compagnia di una persona che abbia uno smartphone per poter accedere alla rete quando si è in condizioni di disagio, perché si è finito il credito o perché non c’è campo. Il dispositivo che viene ospitato può inoltre usufruire al massimo della velocità di connessione del dispositivo che offre il servizio. La condivisione, inoltre, può essere avviata in pochi passaggi e in maniera rapida.
Quali gli svantaggi del tethering?
Gli svantaggi del tethering, relativamente pochi rispetto ai benefici, sono i seguenti: un maggior consumo di batteria da parte dello smartphone o tablet che offre la connessione, il quale si trova a dover gestire i dati di due diversi dispositivi, e la poca sicurezza se non ci si avvale della password.

Nella maggior parte dei casi il tethering, essendo uno strumento gratuito integrato nel sistema operativo, funziona a prescindere dall’operatore. Alcune volte, tuttavia, può capitare che uno smartphone o tablet brandizzato da qualche gestore blocchi la suddetta funzionalità al fine di impedire la condivisione.
In altri casi, inoltre, se i volumi di scambio dati sono eccessivi, e questo può accadere quando la connessione è utilizzata da più dispositivi, l’operatore può decidere di bloccare la rete al dispositivo ospitante.

Come configurare il tethering su iPhone, Android e Windows Phone?
Ecco di seguito le istruzioni:
iPhone:
– Impostazione
– Hotspot personale
– attivare la funzione e segnare il nome del telefono e la password.

Android:
– Impostazioni
– Altre
– Tethering e Hotspot portatile
– poi scegliere il nome del dispositivo e l’eventuale password.

Nelle ultime versioni, per l’attivazione/disattivazione del router wifi, è sufficiente abbassare la tendina, scorrere le icone fino ad individuare “Router Wi-Fi”

Windows Phone:
– Impostazioni
– Condivisione Internet
– abilitare, poi premere il tasto imposta e scegliere nome e password.

Condividere la connessione del proprio dispositivo con altri non è solo rapido, ma anche semplice ed intuitivo.
Le istruzioni su riportate posso subire leggere variazioni a seconda della versione del sistema operativo in uso sul vostro smartphone o tablet.