Nuova mail falsa da Agenzia delle Entrate: torna una truffa già vista

Chi segue il nostro sito magari ricorderà di aver già visto un articolo su questo argomento; in effetti ne abbiamo parlato in un articolo di fine 2017.

Ma si sa, le cose tornano di moda… E così ritorna anche la falsa mail di Agenzia delle Entrate.

Si tratta di una versione di cryptolocker, un virus informatico che cripta i file contenuti nel computer, rendendoli inaccessibili fino al pagamento di un riscatto.

Da dove arriva?

Diversi sono gli indirizzi di provenienza:

  • agenziaentrateinformazioni.icu,
  • agenziaentrate.icu,
  • agenziainformazioni.icu.

Come si presenta?

La mail non ha nulla a che fare con Agenzia delle Entrate, nonostante la presenza di loghi ufficiali.

L’allegato è un semplice file di Word, “Verdi.docx”, all’interno del quale è contenuto il codice malevolo sotto forma di macro.

Il riscatto chiesto per decriptare i file varia tra 450 e 900 euro (o tra i 500 e i 1.000 dollari) da pagare in bitcoin.

Come difendersi?

E’ importante:

  • effettuare backup frequenti dei propri dati su dispositivi esterni
  • valutare attentamente le mail che si ricevono, analizzando la scrittura, l’orario di invio e l’indirizzo del mittente
  • diffidare di allegati con nomi vaghi o apparentemente innocui
  • se per sbaglio aprite il file di word o excel allegato vi viene chiesto di attivare le macro, diffidate e chiudete subito

Quindi fate attenzione!