Possibile truffa informatica in arrivo: una finta mail da Equitalia

L’ennesimo tentativo di truffa assume, come accaduto altre volte, la forma di una mail proveniente da Equitalia.attenzione

Questa volta l’oggetto si riferisce ad un presunto preavviso di fermo amministrativo e invita chi riceve la mail ad aprire l’allegato per visualizzare ulteriori dettagli.

Come più volte espresso, Vi consigliamo di non aprire allegati provenienti da enti pubblici, corrieri, istituti bancario, in linea di massima, da mittenti sconosciuti. Soprattutto se sono in formato compresso (.zip).

Questi istituti, pubblici o privati che siano, prediligono altri sistemi di comunicazione con gli utenti e non invierebbero mai comunicazioni recanti dati riservati tramite mail.

Una lettura superficiale può essere ingannata dal logo simile a quello in uso da Equitalia o dall’oggetto “Comunicazione d’urgenza” con il dettaglio di numero di pratica e fascicolo.

Vi riportiamo il testo della mail fasulla:

“Spettabile contribuente dalle verifiche effettuate ci risulta il mancato pagamento del debito a suo carico. Agli atti specificati nella sezione dettaglio di debito troverà indicati tutti i necessari elementi di dettaglio”.

E, giusto per rendere il tutto più preoccupante, all’utente viene indicato anche un termine perentorio di trenta giorni dalla data di notifica per provvedere al pagamento.

Per chi avesse ricevuto una truffa online, ricordiamo che è possibile rivolgersi alla polizia postale per denunciare il fatto.

Mi raccomando, prestate sempre attenzione alle mail che ricevete.

E se avete dubbi, non esitate a contattarci.