Facebook e i truffatori

Più volte vi abbiamo parlato di come Facebook possa contribuire a smascherare i truffatorifacebook pronuncia nome

Oggi vi raccontiamo di quanto accaduto a Carpi, dove una coppia di giovani provenienti dalla Campania hanno cercato di truffare i passanti, con la scusa di offrire loro delle arance a scopo promozionale.

Sul gruppo Facebook “Sei di Carpi se…“, un utente ha scritto questo post:

«Un Doblò bianco mi si è affiancato mentre stavo parcheggiando l’auto, in via Remesina. Due ragazzi, uno con evidente accento campano, dicendo che “era il figlio di Antonio il muratore” e che si ricordava di me (io non di lui), mi ha chiesto di scendere per offrirmi due arance visto che vorrebbero aprire un negozio di ortrofrutta a Carpi. Ovviamente non sono sceso e a quel punto sono partiti velocemente».

Un abitante della zona ha provveduto a segnalare la posizione del furgone sospetto alle forze dell’ordine.

I Carabinieri, intervenuti sul posto, hanno provveduto a fermare due giovani campani e ad emettere un foglio di via obbligatorio che gli impedisce di trattenersi nella provincia di Modena.

In quel momento non sono stati riscontrati reati ma sono state avviate indagini per eventi a Carpi e nella bassa modenese e reggiana, dove si sono svolti furti e truffe ai danni di altri automobilisti con la scusa della frutta.

Come sempre, raccomandiamo di segnalare eventuali casi sospetti, così da aiutare altri a non cadere in truffe, sempre più frequenti.

E grazie a tutti coloro che, con i loro post, aiutano a tenere gli occhi aperti.