C’è un nuovo virus in giro: è Adylkuzz

Dopo il virus che ha bloccato ospedali ed enti pubblici, di cui si è parlato in numerosi telegiornali, è ora il turno di Adylkuzz che, pure essendo attivo almeno dal 2 maggio, si sta propagando in modo più deciso durante le ultime ore.

Adylkuzz, al contrario del suo immediato predecessore, non chiede riscatti agli utenti ma utilizza la capacità di elaborazione del pc infetto per risolvere gli algoritmi utili alla creazione di Monero, moneta virtuale meno conosciuta di Bitcoin, il cui valore si sta impennando proprio in virtù dell’attacco. Ora è scambiata a 27,53 dollari (in salita del 5%), circa 24,7 euro ognuno.

Le conseguenze per gli utenti tuttavia ci sono, oltre a un rallentamento delle prestazioni dei pc, i cui processori sono al lavoro per conto degli attaccanti, Adylkuzz utilizza le nostre credenziali per accedere ai servizi condivisi del sistema operativo.

I sintomi per riconoscerlo sono proprio l’impossibilità di accedere alle risorse condivise (il malware interrompe le funzioni del protocollo SMBv1) e il progressivo rallentamento del computer, impegnato a generare la criptovaluta.

Fonte: https://www.wired.it/