WhatsApp: ritorneranno gli abbonamenti annuali o sono solo bufale?

Quante volte Vi abbiamo riportato articoli riguardanti bufale circolanti su WhatsApp in relazione al ritorno di canoni di abbonamento o costi per messaggio.

Beh, un fondo di verità c’è.

Quando WhatsApp era a pagamento

Ricordate quando l’uso dell’applicazione implicava il costo di un abbonamento, annuale o pluriennale?

Quanti di noi hanno pagato piccole cifre per poter usufruire di una delle app di messaggistica più famose.

Poi, nel 2014, è arrivato Facebook e ogni forma di pagamento è stata eliminata; WhatsApp è diventata gratuita e utilizzabile senza alcuna forma di pagamento.

Ma Facebook intende iniziare a trarre profitto da WhatsApp.whatsappicon

Ecco da dove nascono le voci e le bufale sul ritorno del pagamento di canoni.

Attenzione però: queste voci sono al momento totalmente infondate.

Monetizzare attraverso la pubblicità

Facebook infatti ha scelto di monetizzare introducendo le pubblicità, sotto forma di banner commerciali che entreranno nelle nostre chat di ogni giorno.

Inizialmente verrà applicato, in via sperimentale, alla versione Business della famosa App.

Solo in seguito, in caso di riscontri positivi e si verificassero le condizioni necessarie, saranno introdotte anche a tutti gli altri utilizzatori.

E, per non perdere tempo, sono già disponibili versioni beta di WhatsApp contenenti banner pubblicitari.