Sky lancerà un’offerta completa senza parabola

Sky lancerà un’offerta TV completa senza la parabola satellitare. L’Italia farà da apripista per il nuovo servizio veicolato interamente in streaming.

La novità rispetto a NOW TV, l’attuale piattaforma in streaming di Sky, consisterà nel fatto che l’offerta satellitare e quella via internet saranno esattamente paritarie (saranno presenti tutti i canali).

L’utente potrà quindi scegliere quale mezzo utilizzare secondo le proprie preferenze e le eventuali limitazioni legate alle infrastrutture presenti (vincoli nell’installare un’antenna satellitare o mancanza di connessioni sufficientemente prestanti).

I dettagli sull’offerta non sono ancora disponibili: le informazioni giungono dai dati finanziari relativi all’ultimo trimestre. Bisognerà quindi attendere per capire come si articolerà la proposta in streaming.

Diamo per scontato il ricorso ad un decoder, più o meno analogo a quelli in uso oggi per la piattaforma satellitare. Bisognerà poi capire come verranno gestiti i vari servizi aggiuntivi, ad esempio Sky Q. Il nuovo ecosistema Sky permette infatti di sfruttare più segnali simultaneamente sia per le registrazioni dei programmi, sia per inviare lo streaming a decoder secondari (Sky Q Mini), smartphone e tablet.

Gestire tanti flussi simultaneamente, alcuni magari a risoluzione Ultra HD con HDR, potrebbe non risultare esattamente semplice per connessioni internet che non abbiano a disposizione grandi quantitativi di banda.

Sky vuole comunque movimentare il mercato, sia per contrastare la concorrenza (internet inclusa), sia per offrire un’alternativa agli utenti. Scorrendo i dati si legge che negli ultimi tre mesi il numero di abbonati è sceso di 15.000 unità. Il calo viene imputato all’incertezza economica e al passaggio dalla fatturazione mensile a quella ogni 4 settimane.

Fonte: https://altadefinizione.hdblog.it