Postepay e addebiti sconosciuti: Poste Italiane deve risarcire l’utente truffato

Chi non ha mai effettuato un pagamento online? poste

Molti utenti preferiscono utilizzare carte prepagate per non correre rischi.

A seguito del furto di denaro subito da un utente in possesso di carta PostePay, Poste Italiane è stata costretta a risarcire il danno.

Ma vediamo di saperne di più.

A inizio 2012, il titolare si è accorto di alcuni movimenti sospetti sulla sua carta PostePay. Versamenti tramite Western Union e pagamenti a siti di scommesse. Si è precipitato a denunciare il fatto ai Carabinieri.

Naturalmente Poste Italiane ha negato ogni responsabilità per la truffa subita dal titolare della carta.

A seguito della denuncia, sono partite le indagini delle Forze dell’Ordine.

Ci sono voluti anni ma i Carabinieri hanno trovato il beneficiario della truffa; un uomo già conosciuto per precedenti penale, frode informatica e altri reati simili.

L’uomo era entrato in possesso dei codici della carta e l’aveva usata a suo piacimento.

Gli istituti bancari, incluso Poste Italiane, hanno la responsabilità di mettere in atto misure di sicurezza tali da impedire che queste cose possano accadere.

Il giudice ha ritenuto che le misure adottate da Poste Italiane non fossero sufficienti a garantire furti di denaro, condannandola al risarcimento del danno.

Le Vostre carte di credito e i Vostri Home Banking hanno delle protezioni tali da impedire accessi indesiderati?

Se a Vostro parere non sono sufficienti, rivolgetevi alla Vostra banca per chiedere informazioni sulle procedure di sicurezza.