Polizia: ”Attenti alle truffe online o su WhatsApp”

A costo di sembrare ripetitivi, oggi Vi riportiamo l’ennesimo allarme diffuso dalla Polizia riguardo alle truffe online o tramite WhatsApp:

Non c’è riposo per i truffatori. Le truffe online sono in continua evoluzione e oggi iniziano a diffondersi anche via WhatsApp, la nota applicazione di messaggistica istantanea per smartphone. Lo dice la polizia di frontiera di Domodossola che sta ricevendo denunce e segnalazioni da parte di persone ‘contattate’ dai truffatori.

Per aiutare le potenziali vittime delle frodi, dalla Polizia domese ricordano, ad esempio, che il Gruppo Intesa Sanpaolo non contatta mai via WhatsApp, così come non chiede via email o SMS i codici che si usano per accedere alla banca online, le informazioni personali o finanziarie.

Questo perché ultimamente stanno arrivando richieste in tal senso agli ignari clienti.  In particolare si sta diffondendo online anche una mail di phishing con un testo che dice che a partire la pagina web della banca sarà sottoposta a manutenzione straordinaria per una durata di 15 giorni.  Avvisando che durante questo periodo si può operare solo con l’app Intesa Sanpaolo Mobile.

La Polizia spiega che per evitare  le truffe, basta prendere alcune semplici precauzioni: verificare sempre il mittente dei messaggi su email e SMS; cancellare le comunicazioni sospette.

Se poi non si è sicuri della provenienza delle comunicazioni non cliccare sui link e non aprire gli allegati – spiegano Se si riceve questa email o altre comunicazioni sospette via WhatsApp, email o SMS, meglio parlare direttamente parla con la filiale online o con la propria filiale.

Renato Balducci

Fonte: http://www.ossolanews.it