In Friuli si potrà sequestrare il cellulare in caso di incidente

L’uso del cellulare alla guida è ancora una della maggiori cause di incidente.

Secondo quanto riportato dal sito dirittoegiustizia.it, la Procura di Pordenone (su input della Procura generale di Trieste) ha emanato la direttiva n. 4414 del 26 giugno 2018 indirizzata agli operatori di polizia giudiziaria.

Tale direttiva riporta quanto segue:

“L’autista coinvolto in un grave incidente stradale dovrà prontamente collaborare con gli organi di polizia esibendo cellulari, tablet e ogni altro dispositivo reperibile nell’abitacolo per consentire nell’immediatezza di verificare eventuali interferenze con la condotta di guida”, si legge sul quotidiano di informazione giuridica.

Momentaneamente la direttiva sarà adottata in Friuli-Venezia Giulia, anche se non è escluso un suo impiego anche in altre regioni italiane.

L’obiettivo naturalmente è contrastare le distrazioni alla guida legate all’uso di  chat, sms, impostare il navigatore ecc...

Pertanto queste azioni potrebbero essere riportate sul verbale delle forze dell’ordine, in caso di messaggi o chat aperte al momento del sinistro. I dispositivi saranno verificati sul posto, al momento del sinistro, e se emergeranno elementi probatori si potrà procedere al sequestro degli smartphone.