Facebook non diventerà a pagamento e non cambieranno le regole sulla privacy. Si tratta dell’ennesima bufala.

Per l’ennesima volta torna a circolare sul web la bufala per eccellenza che vuole il social network di Zuckerberg a pagamento
  • “Facebook diventa a pagamento”. Per l’ennesima volta torna a circolare sul web la bufala per eccellenza che vuole il social network di Zuckerberg a pagamento. Secondo quanto si legge nel post che circola sulle bacheche dei creduloni, per iscriversi bisognerà pagare ben 5.99 euro. Nel messaggio pubblicato dagli utenti si legge: “Ecco cosa dice quello recentemente “rivisto”: “Ora e’ ufficiale. Facebook ha appena pubblicato il suo prezzo di iscrizione euro 5,99, per mantenere l’abbonamento gold e la vostra privacy come in questo momento. Fate copia e incolla di questo messaggio sulla vostra pagina e sara’ completamente gratuito. In caso contrario; da domani, le vostre pubblicazioni possono diventare pubbliche, anche i messaggi che sono stati eliminati o le foto non autorizzate. Non costa nulla fare copia e incolla. Ciao a tutti”.[…]
  • Chi avrebbe ufficializzato ciò? Se la storia fosse vera, sarebbe su tutti i siti di notizie del mondo, perché sarebbe una sorta di rivoluzione per tutti gli utilizzatori del servizio (circa un miliardo di utenti). Basterebbe ragionare un nano-secondo e controllare prima di inoltrare a tutti questa bufala che causa solo “spam”.  Lo ricordiamo per l’ennesima volta: Facebook non diventa a pagamento né mai lo diventerà.[…]
  • Far pagare gli utenti per utilizzare Facebook significherebbe provocare la morte del social network più famoso del mondo, dal momento che tutti sarebbero pronti a migrare su un’altra piattaforma pur di non scucire un centesimo. E poi con quale fine? Facebook guadagna già tanto in altri modi, non ha bisogno di questo.